Recensione: L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome di Alice Basso

Buongiorno, amanti della lettura.
Oggi vi propongo la mia recensione di un libro carinissimo che mi ha consigliato una mia cara amica :)


Titolo: L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
Autore: Alice Basso
Editore: Garzanti

Trama:
Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: coglie l'essenza di una persona da piccoli indizi e riesce a pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un'empatia profonda e un intuito raffinato sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un'importante casa editrice. Scrive libri per altri. L'autore le consegna la sua idea, e lei riempie le pagine delle stesse parole che lui avrebbe utilizzato. Un lavoro svolto nell'ombra. E a Vani sta bene cosi. Anzi, preferisce non incontrare gli scrittori per cui lavora. Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda a una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva più possibile con nessuno. Per questo sa di doversi proteggere, perché, dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei. E quando il destino fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che le relazioni, come i libri, spesso nascondono retroscena insospettabili.


Recensione:
Sapete che avrei potuto avere un futuro come ghostwriter? Vabbè, adesso esagero, ma al liceo ero quella che faceva i temi alle amiche, quella che scriveva le lettere, le dediche e i messaggini d'auguri. Solo che ancora non sapevo cosa facesse di preciso una ghostwriter, e neanche prima di leggere L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome. Ora, grazie a Vani, lo so.

Vani è una donna cazzuta, ecco. Una donna che dimostra meno della sua età, dallo stile dark/punk per allontanare chiunque voglia avvicinarsi a lei, quel ciuffo corvino che le copre gli occhi per evitare glo sguardi delle persone. La ghostwriter. Vani lavora per Enrico come ghostwriter. Senza abbandonarci a troppi inglesismi, Vani si immedesima nell'essere degli scrittori e scrive al posto loro i romanzi che porteranno la firma dei primi. Ha questo dono.. Oh cielo, se solo mi sentisse credo che se ne uscirebbe con una delle sue battute sarcastiche che mi lascerebbero senza neanche batter ciglio, figurati replicare. Vani ha questa capacità o intuito che le fanno fare il suo lavoro in maniera eccellente, addirittura scrivere il miglior libro del mondo ma nessuno può saperlo. Nel frattempo scrive però anche il peggior libro del mondo, per la tematica trattata, e affronta la cosa con ironia e un apparente cinismo che la fanno passare per l'asociale darkettona. Nessuno sa, però, che infatti è solo apparenza, Vani è così, e ha poca fiducia nelle persone per insicurezze del passato che Alice Basso alterna alla narrazione del presente.

L'intuito di Vani però non si fa sentire per avvisarla dell'imminente (dis)avventura che vivrà quando la scrittrice per cui adesso scrive un libro, sparisce e si sospetta che sia stata rapita. Non la avvisa neanche dello scrittore belloccio che la seduce e nemmeno dell'ispettore Berganza che sembra uscito da un romanzo giallo.
Ma Vani è intelligente, furba e sveglia. La seguiamo nelle sue vicende a facciamo il tifo per lei, per questa donna con le palle, come si suol dire, e che un po' invidiamo per la sua battuta pronta e ironica. Della serie: "come combattere la quotidianità a colpi di ironia".

La scrittura di Alice Basso è "simpatica". Si può definire una scrittura o uno stile simpatico? Immaginate un vostro amico simpatico, ora immaginate di passare con lui un pomeriggio o di andarci a pranzo. Vero o no che non sentite il tempo passare? Perdiamo la cognizione del tempo perché siamo in buona compagnia. Il libro di Alice Basso è così: non ci accorgiamo delle pagine che si sfogliano, perdiamo la cognizione del tempo e la sua scrittura è una buona compagnia.

L'imprevedibile piano della scrittrice è una lettura fresca e scorrevole, un libro dove le sfumature del rosa si mescolano a quelle del giallo, nulla di pretenzioso, nulla che ti rimanga attaccato alla pelle. Lo consiglio come lettura di svago, di mero relax e per farsi rubare un sorriso.

Non fare mai, mai notare a una come me che potrebbe forse anche essere "innamorata". Scegli qualunque altro termine, ma non quello. "Innamorato" ha tutto un universo dietro. "Innamorato£ richiama svago e melenso e rimbecillito. Darmi dell'innamorata significa dirmi che in questo momento della mia vita io ai tuoi occhi appaio svagata e melensa e rimbecillita. Circondata da un'aura rosa caramella e dagli uccellini guanciuti di Biancaneve. La lingua italiana consente pochi sinonimo, ma trovali. Per quelle come me, innamorata è un'offesa, una paraloccia, uno svilimento, un cliché. Ci siamo capite?

Tutto chiaro, Vani!

Commenti

  1. Potresti ancora averlo un futuro da ghostwriter, che ne sai. Il futuro non ha limiti fino al nostro ultimo giorno. Ti consiglio di provarci:)
    Comunque il libro sembra carino solo per la trama, poi se ne parli cosi bene è quasi una certezza.I libri ''simpatici'' sono i migliori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, assolutamente. Certo, è un mestiere come tanti, ma l'idea di ingannare i lettori o chi davvero ama la letture come me, mi fa rabbrividire.
      Sisi, molto carino ^^

      Elimina
    2. Allora puoi essere la ghostwriter di te stessa. Se capisci cosa intendo :)

      Elimina
  2. Ogni tanto dovremmo essere un po' tutte Vani!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente sì. Vani è tutte noi! :)

      Elimina
  3. Sono contenta che sia piaciuto anche a te! Io ho adorato il carattere di Vani, un pò meno il lavoro da ghostwriter! Ci sarà un seguito secondo te? I presupposti ci sono tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, sì, secondo me ci sarà :) L0ultima cosa che ha detto l'ispettore ha lasciato senza parole Vani, che sappiamo quanto sia difficile. Poi c'è Riccardo che non si sa se è interessato davvero a Vani o no. Insomma, la rileggeremo e spero presto :)

      Elimina
  4. Questo romanzo è nella mia lista dei libri da leggere, lunga quanto un papiro purtroppo... Prima o poi verrà il suo turno :)

    Lady Hella
    http://bookshelf54.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tienilo per quando avrai voglia di letture leggere ^^

      Elimina
  5. Sembra carino! Prima o poi lo leggerò! :)

    RispondiElimina
  6. Un romanzo veramente carino!! e un bel personaggio, molto originale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo che è piaciuto anche a te ^^

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari