Recensione: Cocktail di cuori di Chiara Santoianni

Buongiorno, amanti della lettura.
Prima di correre tra le miliardi di cose da fare, vi lascio la mia mini-recensione di un libro semplice e leggero, perfetto per i momenti di troppo stress.


Titolo: Cocktail di cuori
Autore: Chiara Santoianni
Editore: Edizioni Cento Autori


Trama:
Trasferitasi a Londra dal Sud Italia per studiare nel prestigioso University College e conseguire la tanto desiderata (dai suoi familiari) laurea in medicina, Penelope si è trasformata in una instancabile socialite e, invece di presenziare alle lezioni, sbarca il lunario preparando cocktail in un locale notturno del West End. Di giorno, però, nell'appartamento a Soho che divide con l'amica Gelsomina e l'alternativa ereditiera Olivia Parker-Kensington, coltiva il suo sogno: quello di diventare una scrittrice di successo. Proprio una mattina in cui è intenta a scrivere il suo romanzo, Penny riceve una telefonata imprevista: mamma, papà e la sorella Carmela sono in arrivo, per assistere alla sua cerimonia di... laurea! E a Penelope tocca ospitarli! Ma il peggio deve ancora venire. I suoi sono in trepida attesa di conoscere il mitico Angelo: il giovane medico di origini italiane di cui Penny parla da anni e a cui è legata da un serio, e platonico, fidanzamento. Peccato che Angelo non sia mai esistito! Come cavarsela? Penelope è disperata: verrà scoperta e dovrà rinunciare ai suoi sogni di scrittrice. Meglio confessare tutto e affrontarne le conseguenze. A meno che...


Recensione:
Le bugie hanno le gambe corte, si dice. E le menzogne belle grosse? Beh, quelle portano ai veri guai. Lo sa Penny, che mentre si concentra per inviare il suo libro agli editori, sperando che questa volta non lo rifiutino "gentilmente", prepara cocktail in un locale notturno e, diciamolo, lo fa anche molto bene. Dove stanno le menzogne? Beh, diciamo che la famiglia di Penny pensa che lei sia prossima alla laurea in medicina. Ops! E proprio per questa ricorrenza i suoi con la figlia al seguito stanno per prendere il primo aereo per Londra per andare alla cerimonia di laurea. Nonché incontrare lo storico fidanzato medico, Angelo. Doppio ops! Come dir loro che non esiste nessuna laurea e nessun Angelo?

Io al posto di Penny avrei confessato tutto nel giro di cinque minuti, invece lei no, supportata dalle sue coinquiline e amiche che hanno il piano perfetto per non far scoprire niente ai genitori e, Penelope, è disposta a tutto pur di proteggere il suo sogno di veder pubblicato il suo romanzo.
Questo piano, che al lettore pare impossibile, consiste nel trovare un modo per far credere alla famiglia di star per laurearsi, un fidanzato credibile e una vita tutta "casa e chiesa". Semplice, no?

Cocktail di cuori è come un aperitivo. Da leggere tra un impegno e l'altro della giornata, da leggere per rilassarsi, è una semplice lettura senza impegno. Tuttavia, però, ho come avuto la sensazione che la storia non si fosse sviluppata, come se la scrittrice andasse di fretta e avesse scritto un finale giusto per stare nelle centinaia di pagine. Infatti trovo che la parte più importante e anche fonte di moltissime risate e scene divertenti sia stata sottovalutata, sono quelle inerenti all'arrivo dei genitori di Penny e quindi a scene dove si cerca in tutti i modi, anche inverosimili, di non far scoprire la verità.
Leggerezza, quella di un Cocktail al volo. Lo consiglio come lettura di svago.

Commenti

  1. L'ho recensito anch'io proprio due giorni fa e sono pienamente d'accorto con te, una lettura rilassante e senza pretese ma piacevole!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto ^^ Piacevole, ma nulla di che.

      Elimina
  2. L'ho letto anche io negli ultimi giorni e spero di parlarne a breve, ma sono comunque d'accordo con te in generale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo con piacere che siamo tutte sulla stessa lunghezza d'onda :)

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari