Recensione: Frittata alle ortiche. La ricetta del perdono di Mara Roberti

Buongiorno, amanti della lettura!
Oggi sono qui con una recensione, per stuzzicare il vostro appetito con un racconto tutto culinario e dagli ingredienti molto particolari :)


Titolo: Frittata alle ortiche. La ricetta del perdono
Autore: Mara Roberti
Editore: Emma Books

Trama:
[Ingredienti]
2 sorelle
1 grande casa di campagna amata e in stato di abbandono
1 grosso cane nero
1 fidanzato che torna dal passato
Un dolore ancora tutto da vivere e molto da perdonare (q.b)
[Preparazione]
Dopo la morte del padre, Giulia torna nella casa di campagna della sua famiglia, in cerca di ricordi. Per riempire il vuoto lasciato dai genitori, la sorella Elena cucina a ogni pasto una ricetta speciale, che le riporta entrambe all'infanzia, a un tempo fatto di sicurezza, di sole, di abbracci e di corse sfrenate in bici. Proprio come l’incontro con Alessio, il grande amore dell’adolescenza. Ma insieme ai ricordi riemergeranno anche piccoli e grandi misteri, la fatica di volersi bene fra rancori e rimproveri taciuti troppo a lungo. In quel difficile equilibrio fra passato e presente, immersa nei sapori e negli odori della sua infanzia, Giulia troverà le risposte che cerca. E l’amore di cui ha bisogno.
[Rimedio]
È la ricetta per chi non riesce a perdonare, per chi vuole riconciliarsi con il passato e tornare a vivere l’amore senza rancori.

Recensione:
Giulia, dopo anni di assenza e dopo la morte del padre, torna nella casa dove lei e la sorella Elena sono cresciute. Sorelle, sì. Ma apparentemente niente unisce queste due ragazze, tranne forse la casa.
Giulia è una persona a mio parere fragile, sensibile, una che nutre speranze nel futuro ed è per questo che rimanda in continuazione le cose importanti della vita. Come i rapporti con le persone che ama. Come la riconciliazione con il papà prima che fosse troppo tardi.
Elena, al contrario, è una donna che conta sulle sue forze, introversa, decisa, razionale, ma che non aspetta che la sorella si faccia avanti dopo aver scacciato via le ombre del suo passato. La prima, spinta dal desiderio di ricominciare una nuova vita con la nuova vita che porta in grembo, decide di reagire e si scontra contro l'aggressività passiva di Elena, le sue parole appuntite e la rabbia che ha nutrito nei confronti di Giulia, soprattutto perché non è stata presente nel momento del bisogno.

Giulia ed Elena si rimproverano il passato. Ma come tutti noi sappiamo, più ci concentriamo sul passato e i suoi rancori, più ci scivola via il presente e le sue sorprese. Quale modo migliore di scacciare i primi e dare il benvenuto ai secondi, se non quello di mettersi a cucinare le vecchie ricette di famiglia? Del resto, si sa... La cucina sana i rapporti dove questi falliscono. E una volta superato il dolore, è più facile perdonare.

Non puoi perdonare finché ti fa male.

Frittata alle ortiche è un racconto su cui non avevo aspettative, forse perché ho deciso di leggerlo seguendo il mio istinto e, quindi non ho avuto modo di meditare e pensarci a lungo. L'ho preso e l'ho letto. Tutto d'un fiato. Pagina dopo pagina. Oltre a sciogliere tutto lo stress accumulato, mi ha regalato anche un pizzico di buon umore.
Quel che mi dispiace, però, è il numero delle pagine ridottissimo (circa 59). Una volta finito ho pensato che sarebbe stato un gran bel romanzo. Ma c'è un motivo per questa brevità: Frittata alle ortiche apre le danze a un nuovo progetto della casa editrice che, a suo modo, ha deciso di partecipare all'Expo 2015. Il progetto si chiama Ricettario del cuore e consiste nella pubblicazione di racconti che hanno come protagonista la cucina e le emozioni.
Non mi resta che consigliarvi questo racconto per gustare tanti temi importanti, trattati delicatamente, senza però diventare pesantuccio!

Commenti

  1. Sono curiossissima di leggerlo! Sia perchè a me piace trafficare in cucina, e un romanzo che unisce sentimenti e ricetta fa di sicuro per me! E sia perchè ho già letto qualcosa di Mara Roberti che mi ha piacevolmente colpita, perciò non posso lasciarmelo sfuggire! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa <3
      Sono ormai sempre di fretta ma leggo le tue ricette sull'altro blog e sono facilissimissime oltre che buone *-* Sicuramente quando avrò tempo le proverò *-*
      Anche io penso che leggerò qualcos'altro della Roberti ^^

      Elimina
  2. Ti leggo solo adesso, di ritorno dalla trasferta torinese. Mi emoziona sempre quando una recensione riesce a descrivere i personaggi meglio di quanto sarei stata capace di fare io. E tu ci sei davvero riuscita. Grazie!

    RispondiElimina
  3. Ti leggo solo adesso, di ritorno dalla trasferta torinese. Mi emoziona sempre quando una recensione riesce a descrivere i personaggi meglio di quanto sarei stata capace di fare io. E tu ci sei davvero riuscita. Grazie!

    RispondiElimina
  4. Grazie mille! Spero di poter ancora leggere di Giulia e Elena :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari