Recensione: Non tutti gli uomini vengono per nuocere di Federica Bosco

Buon pomeriggio, amanti della lettura!
Oggi vi propongo la recensione di un libro che ho letto quest'estate. Ma ditemi, in che periodo siete? Perché se state passando un momentaccio e siete delle ragazze, ho il libro giusto per voi.
E spero che il vostro brutto periodo passi presto.


Titolo: Non tutti gli uomini vengono per nuocere
Autore: Federica Bosco
Editore: Mondadori

Trama:
Avete presente quei momenti della vita in cui qualcosa inizia a non funzionare, e in un attimo sembra trascinarsi dietro tutto il resto? Ecco, prendete Cristina: per una diabolica serie di coincidenze nel giro di ventiquattr'ore perde il lavoro, la casa e il fidanzato. E se pure non c'è dubbio che certi fidanzati sia meglio perderli che trovarli, scovarne uno decente dopo i trent'anni sembra un'impresa più disperata che cercare un lavoro. Così Cristina si ritrova a vivere con il fratello e i genitori - che da quarant'anni si amano pazzamente e si chiamano fra loro "Cip" e "Ciccetta" -, a dover fare "l'inviata imbranata" in una trasmissione televisiva in diretta nazionale... e, come se non bastasse, a scoprire che il giovane medico del pronto soccorso che sin dal primo incontro l'ha folgorata è una meta irraggiungibile. Nemmeno i consigli di Carlotta, l'amica maestra di yoga e dispensatrice di amorevole saggezza, riescono a impedire che Cristina perda definitivamente il baricentro, infilandosi in una serie di situazioni sempre più complicate. Ma la realtà non è mai come sembra, e la vita le riserva ancora molte, moltissime sorprese... Perché spesso è necessario andare a sbattere contro il muro delle proprie ambizioni, perdersi nella selva delle proprie paure, fermarsi a riprendere fiato, per scoprire che la felicità è nascosta dove non la andremmo mai a cercare. Solo abbandonando ogni certezza si impara a cavalcare l'onda, anziché farsene travolgere...


"Il vero segreto della felicità è l'inconsapevolezza. Chiunque affermi il contrario mente sapendo di mentire."

Recensione:
Non tutti gli uomini vengono per nuocere è un libro che è stato nel mio Kindle per mesi, sono sempre stata riluttante a leggerlo pensando che fosse uno di quei soliti libri dove alla protagonista va tutto male, si piange addosso per tutta la durata della storia e alla fine tutto si sistema e la sua vita diventa perfetta. Senza cavalcare l'onda, ma quest'ultima passa esattamente come è iniziata.
Sono lieta, però, di dire che mi sbagliavo.

La storia di Cristina è una storia fresca, romanticamente divertente, spiritosa, ironica, scorrevole, leggera. Una storia che, complice il periodo in cui l'ho letta, mi ha fatta ridere e sorridere senza che me ne accorga. Una storia in cui, tralasciando il lieto fine, forse, ogni donna si ritrova.

Cristina è una donna forte, determinata, simpatica e che come tutti passa un brutto periodo, ma lo affronta in un modo così invidiabile che avrei voluto anche io affrontare le difficoltà come fa lei, invece di disperarmi continuamente senza un pizzico di ironia.

"È solo il contorno a variare, l'essenza rimane sempre quella."

La scrittura di Federica Bosco è sciolta, leggera, e non mi ha permesso di staccarmi dalle pagine del suo libro per quanto ero coinvolta. A dire la verità ho amato qualsiasi cosa sia uscita dalla testolina della Federica Bosco e tante volte avrei voluto averla come zia, per poterla chiamare in ogni momento di bisogno e chiedere i suoi consigli, oltre a farmi due risate.

Il tipo di narrazione e, ogni tanto le vicende che Cristina vive, mi hanno fatta pensare a Bridget Jones. Ma chi è che non ha amato la vita e le complicazioni della vita di Bridget Jones? Io sono la prima della fila!. La Bosco, però, ci tiene a precisare che le sue protagoniste non sono le Bridget Jones italiane, che non cercano di togliersi, senza successo, il vizio del fumo, che non devono scegliere tra due uomini che oltre ad essere molto attraenti sono anche i tipici uomini hollywodiani infiocchettati con la loro perfezione.
Le protagoniste della Bosco sono donne che ce la fanno da sole, donne che con un po' di ironia e di forza si salvano da sole.

"Bisogna avere il coraggio di tagliare di netto la parte malata: all'inizio fa un male cane, ma presto la vita fa germogliare nuovi fiori proprio da quei rami mozzati."


E voi? Avete mai letto qualcosa di Federica Bosco?

Commenti

  1. Ciao Nolwenn! Io non ho mai letto nulla della Bosco anche se mi ha sempre incuriosito. Ora con la tua recensione sono ancora più curiosa di scoprire qualche suo libro ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glimmer *-*
      Se vuoi battezzarti alla Bosco comincia da questo, sono sicura che ti piacerà ^-^

      Elimina
  2. Giusto ieri ho finito di leggere "Il peso specifico dell'amore", sempre della Bosco, e la penso esattamente come te! Ho iniziato il libro con qualche pregiudizio, ma mi sono ricreduta! L'ho adorato!! Non tutti gli uomini vengono per nuocere, me lo ricorda tanto, quindi penso proprio che lo leggerò!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooh ce l'ho già e non vedo l'ora di leggerlo! *-* Non è che mi sono persa la tua recensione? Vado a curiosare :)

      Elimina
    2. Ancora no, non c'è :D Ma conto di aggiungerla la settimana prossima!!

      Elimina
  3. Io lo ADORO! Me lo hanno regalato ed ero riluttante perchè non sopporto quei libri in cui la protagonista sembra una sfigata colossale a cui capita tutto e solo a lei. E invece questo è stata una sorpresa e ho avuto una botta di culo perchè l'ho letto in un periodo che faceva schifo. Ho riso, ho riso davvero parecchio emi ha fatto assolutamente bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e te dobbiamo incontrarci con la Bosco e farci tante di quelle risate con lei! XD
      E' stato il primo libro di cui abbiamo parlato <3

      Elimina
    2. È vero! <3 E sarebbe interessante incontrarla:)

      Elimina
  4. Sto pensando di comprarlo da tantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Compralo, Ile ^-^ Ti potrebbe piacere.

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari